Home / Media / Comunicati stampa / IL MAGNETE PIÙ POTENTE AL MONDO PER LO STUDIO DEL CERVELLO

IL MAGNETE PIÙ POTENTE AL MONDO PER LO STUDIO DEL CERVELLO

Scarica il Comunicato stampa

Commissionato dalla clinica universitaria coreana di Gachon con il supporto del Ministero della Salute e del Welfare della Corea del Sud, è pronto il magnete ad “ultra alto campo” più potente al mondo per lo studio del cervello. Progettato e sviluppato in Italia da ASG Superconductors - la stessa azienda che ha già realizzato i magneti che hanno scoperto il Bosone di Higgs al CERN di Ginevra e ad un anno di distanza dal primo magnete più sofisticato al mondo per la fusione nucleare realizzato per il progetto ITER - ecco un'altra concreta dimostrazione delle relazioni virtuose tra industria e ricerca. Il supermagnete ad ultra alto campo per applicazioni di risonanza magnetica - MRI ha una potenza di 11,7 Tesla e la sua realizzazione ha richiesto sfide scientifiche e produttive non comuni non solo nella ricerca e nella progettazione ma anche nella produzione e nel trattamento dei materiali e dei vari processi produttivi. L’azienda italiana, che occupa in gran parte ingegneri, fisici e tecnici specializzati è la prima al mondo a realizzare un magnete con queste caratteristiche che sarà utilizzato ai fini di ricerca di studio del cervello, che per sue caratteristiche di densità richiede molta potenza. Quando sarà in funzione in Corea sarà così possibile avere immagini molto più approfondite e precise per seguire studi clinici per la cura di Parkinson, Alzheimer, aneurisma e ictus. Più in generale sarà possibile approfondire gli studi relativi ai processi di funzionamento del cervello, le emozioni e anche studi relativi agli effetti di sostanze stupefacenti. Il magnete, che pesa 70 tonnellate e misura 3.5 metri e per la cui realizzazione sono stati necessari oltre 400 km di cavo superconduttore è stato consegnato ai ricercatori coreani in una cerimonia celebrativa nello stabilimento di ASG che sorge in prossimità della parte ovest del Ponte Morandi: non a caso oltre al logo dell’azienda e al nome “Allegro” è stato riportato anche il logo “Genova nel cuore” per ricordare le 43 vittime del tragico incidente.

Condividi su