Home / Media / Comunicati stampa / ASG (Malacalza): commessa da 156 milioni di euro per la fusione nucleare.

ASG (Malacalza): commessa da 156 milioni di euro per la fusione nucleare.

Scarica il Comunicato stampa

ASG (Malacalza): commessa da 156 milioni di euro per la fusione nucleare. 
L’ordine, assegnato da Fusion for Energy, è stato ottenuto da ASG in consorzio con Iberdrola (Capofila) ed Elytt Energy 

Si conferma l’eccellenza tecnologica e industriale di ASG che dopo aver fornito i magneti per l’LHC del CERN di Ginevra sarà ora protagonista di ITER il più grande progetto mondiale che riguarda la fusione nucleare come fonte di energia sicura e sostenibile.
ITER vedrà impegnata l’azienda genovese per circa 6 anni (circa l’80% delle attività del contratto faranno capo ad ASG), con possibilità di nuova occupazione per un centinaio di risorse qualificate. 
Davide Malacalza: “Ci riconfermiamo tra i leader mondiali del settore, fondamentale la collaborazione con ENEA e Istituzioni.”

Genova, 19 luglio 2010 - ASG Superconductors, società della famiglia Malacalza attiva nel settore hi-tech e superconduttività, ha acquisito un ordine per la costruzione di 10 bobine magnetiche per il reattore ITER destinato alla fusione nucleare. Il contratto assegnato dall’agenzia UE Fusion for Energy, del valore totale di 156 milioni di euro, è stato oggetto di una lunga e complessa gara internazionale, che ha visto prevalere il Consorzio formato da Iberdrola Ingenieria y Construccion (Capofila), ASG Superconductors e Elytt Energy rispetto ai principali player del settore.
 
ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor) è il più grande progetto mondiale per illustrare le potenzialità della fusione nucleare come fonte virtualmente illimitata di energia sicura e sostenibile sotto il profilo ambientale. Si tratta di uno dei più grandi sforzi di ricerca a livello mondiale frutto della collaborazione di UE, USA, Cina, Giappone, India, Russia, Corea del Sud che rappresentano più della metà della popolazione mondiale. La firma del contratto ha avuto luogo a Barcellona presso la sede di Fusion for Energy (F4E), l’agenzia europea responsabile della gestione della collaborazione con industrie e centri di ricerca europei per sviluppare e produrre le componenti tecnologiche del progetto ITER.

ITER sarà un reattore sperimentale realizzato allo scopo di riprodurre il fenomeno della fusione termonucleare, che si verifica in natura nel sole e nelle stelle. Precedenti esperimenti hanno già dimostrato che è possibile replicare questo processo sulla Terra, anche se solo per pochi secondi. ITER ha lo scopo di rendere possibile questo su una scala ed in condizioni tali da dimostrare la fattibilità scientifica e tecnologica della fusione nucleare come fonte di energia.

“Per ASG – ha dichiarato il Presidente Davide Malacalza - l’acquisizione di ITER ha un significato
particolarmente importante in quanto ci conferma tra i leader mondiali nel settore; siamo felici di avere come partner Iberdrola ed Elytt Energy con le quali abbiamo stretto un’alleanza vincente. Fondamentale il rapporto continuativo con ENEA e le Istituzioni del Governo Italiano. Ritengo il progetto ITER un esempio di collaborazione virtuosa tra pubblico e privato. In conseguenza degli impegni relativi alla nuova commessa e ad altre che l’Azienda prevede di aggiudicarsi nell’immediato futuro - ha concluso Malacalza - ci potrebbero essere importanti ricadute occupazionali nell’area ligure”.

ITER prevede la costruzione di 10 bobine “Winding Pack” di rilevanti dimensioni (15 x 10 metri con un peso superiore alle 100 tonnellate ciascuna) che verranno prodotte negli stabilimenti di ASG. Circa l’80% del valore del contratto si traduce in attività produttive che vedranno direttamente coinvolta l’Azienda con sede a Genova. ASG è l’unica realtà industriale italiana, e tra le poche a livello mondiale, ad avere le competenze e l’esperienza necessarie per la realizzazione dell’impianto tecnologico che costituisce il cuore del reattore ITER.

Le attività di ASG nell’ambito della fusione termonucleare hanno avuto inizio con la costruzione di magneti superconduttori che compongono il reattore Tore Supra (attivo dai primi anni ‘90, che verrà di fatto sostituito da ITER nel centro ricerche di Cadarache, nel sud della Francia a 70 km da Marsiglia). Immediatamente dopo ASG ha realizzato per l’ENEA il reattore FTU, segnando l’inizio di una collaborazione che continua ad oltre venti anni di distanza. L’Azienda, che ha fornito anche i magneti per il Large Hadron Collider (LHC) del CERN di Ginevra, mantiene contatti e collaborazioni con i principali Istituti e centri di ricerca italiani (CNR ed INFN) ed europei, tra i quali i tedeschi KIT e FAIR ed il francese CEA. 

Il traguardo raggiunto oggi è il segno di un rapporto di fiducia e fattiva collaborazione con i principali centri di ricerca europei ed italiani e rappresenta un nuovo importante capitolo del percorso tecnologico iniziato nel 1958 all’interno dell’Unità Magneti di Ansaldo, proseguito anche dopo la privatizzazione avvenuta nel 2001 con l’ingresso della famiglia Malacalza.”

 

ASG Superconductors, società della famiglia Malacalza con sede a Genova (Italia), progetta e realizza magneti convenzionali e superconduttori per la ricerca nella fisica delle alte energie, per la fusione termonucleare, l’ottimizzazione delle reti elettriche e per le applicazioni medicali. Si distingue a livello internazionale per le competenze legate alla progettazione, costruzione e collaudo di sistemi magnetici superconduttori. Nella consapevolezza di operare in un settore altamente specialistico e in continua evoluzione, l’azienda è volta al costante incremento e sviluppo delle proprie capacità produttive e competenze tecnologiche. ASG Superconductors collabora, in Italia e all’estero, con le principali aziende di settore e con i maggiori Istituti e centri di ricerca scientifici.

Contatti Stampa:
Luca Pezzoni
Relazioni Esterne Hofima – Holding Finanziaria Malacalza
Mail lpezzoni@hofima.it
Mobile +393389414437

 

Condividi su